“VAI ALL’INFERNO DANTE” – LUIGI GARLANDO

“Il babbo davanti, la mamma dietro. Restavo per ore a osservarli seduto qua, dove sono ora, abbracciandomi le ginocchia. le pagaie entravano in acqua nello stesso istante […] Una sincronia perfetta, come lo sono le loro vite, i loro sentimenti, i loro pensieri […] Ma Dante interrompe i miei pensieri con un’idea delle sue: Per completare questa gaia mattina non resta che tuffarci tra i marosi e regalarci un’ampia nuotatina”.

A suon di terzine, i nostri alunni delle classi seconde della Scuola Secondaria di primo grado “D. Vitrioli” hanno seguito, con entusiasmo e passione, le vicende di Vasco, bullo quattordicenne con pessimo rendimento scolastico ma imbattibile a Fortnite, che si scontrerà con un terribile avversario…”Dante”!

Inizia una sfida esaltante, un’immersione dantesca nella modernità, il confronto tra due giovani che sono fuori confine ma che possiedono la giusta chiave d’accesso per animare e condividere interessi, curiosità e sentimenti…